RESINA DI LENTISCO (PISTACIA LENTISCUS) MASTICE DI CHIOS

Riferimento:

8,00 €
Tasse incluse

CONFEZIONE RICHIUDIBILE CON FINESTRA CONTENENTE 25 gr. DI PRODOTTO

PROVENIENZA: BACINO DEL MEDITERRANEO

Quantità

  Politica di sicurezza

Descrizione

  Politica di consegna

Descrizione

  Politica di reso

Descrizione

La mastica (Pistacia Lentiscus) è la resina del lentisco. In Grecia è nota anche come "lacrime di Chio", dato che la resina può condensare in piccole gocce e dato che viene coltivata principalmente nell'isola di Chios, il nome in lingua turca di questa isola (Sakız Adası) significa infatti "isola della gomma". Si tratta di un lattice che può sgorgare dal fusto del lentisco e che, a contatto con l'aria, si essicca in una resina dura fragile e traslucida di grande pregio.

E’ possibile masticare la resina che dopo poco si ammorbidisce e diventando una gomma biancastra, brillante e opaca. Il sapore è inizialmente amaro, ma durante la masticazione rilascia un aroma rinfrescante e balsamico, con note di pino e cedro.

La resina di Pistacia Lentiscus viene da sempre raccolta in tutto il bacino del Mediterraneo. La prima citazione riconducibile a questo prodotto la si deve a Ippocrate che la consigliava per la prevenzione di problemi digestivi, raffreddori e come rinfrescante del fiato. Nella Roma imperiale veniva utilizzata mista a miele, pepe e uova, nella preparazione del Conditum Paradoxum, un vino speziato che veniva servito, di solito, a fine pasto.

Sotto il dominio ottomano, la mastica valeva il suo peso in oro e il suo furto veniva punito con la pena capitale. Durante il massacro di Chio del 1822 tutta la popolazione della regione del Mastichochoria, (coltivatori di mastica), fu risparmiata dal sultano per garantire la produzione di questa resina.

Il mastice viene impiegato per usi diversi: in cucina (in pasticceria e confetteria), in cosmetica, per fare liquori e come medicamento.

In cucina viene utilizzato in polvere come additivo alimentare, sotto forma di gel zuccherino come dolcificante e sotto forma di olio quale additivo dolcificante nelle bevande.

Concentrandoci sul suo uso medicinale, possiamo dire che questa resina vanta innumerevoli proprietà, molte delle quali anche scientificamente dimostrate: è un antinfiammatorio, un antimicrobico, un antiossidante e si rivela utile in caso di disordini del sistema digerente, per l’igiene orale e per il trattamento delle ferite, oltre che per la rigenerazione della pelle. Sembra presentare poi proprietà epatoprotettive e cardioprotettive, oltre a proprietà antiaterogeniche e anticancerogene.

C’è oggi grande interesse scientifico a proposito del suo utilizzo quale antiossidante e questo a causa della presenza all’interno di tale resina di molecole fenoliche, componenti terpenici e fitosteroli che esercitano la propria azione antiossidante verso le lipoproteine a bassa densità (LDL), il cosiddetto “colesterolo cattivo”. Il mastice di Chios sarebbe anche utile per ridurre il colesterolo totale e i trigliceridi. Gli studi (condotti per ora solo su cavie) sono ancora pochi, ma i risultati sono incoraggianti.

L’attività antinfiammatoria della gomma mastice di Chios,  sarebbe associata all’inibizione dello stress ossidativo indotto da TNF-alfa. La resina di Lentisco è un prezioso alleato anche nella riduzione dei sintomi relativi a malattie autoimmuni, grazie all’inibizione della produzione di sostanze pro-infiammatorie attraverso l’attivazione di macrofagi, la produzione di citochine in pazienti con morbo di Crohn in fase attiva e la soppressione della produzione di citochine infiammatorie e di chemochine in esperimenti sull’asma nei topi.

Diverse pubblicazioni scientifiche confermano le proprietà cicatrizzanti del mastice di Chios, garantendo questa resina la guarigione delle ferite senza effetti collaterali a carico della pelle (quali dermatiti, calo della pigmentazione, ecc.). Per questo motivo essa è usata quale componente di bendaggi e cerotti a protezione delle ferite o incisioni operatorie.

999 Articoli

Riferimenti Specifici

No customer reviews for the moment.